Associazione Rifugi Alpi Apuane e Appennini
Menu
Contenuti
Pagina iniziale
Lista strutture
Calendario
Mailing list
Cookie policy
Area riservata

130814_rifdimassa_ass.rifugi03

Immerso nell'erbe, il piccolo rifugio ci apparve con la poesia delle case delle leggende. L'emozione era grande.

Salimmo l'ultimo poggio e dal bagliore del monte entrammo nella penombra di una piccola stanza. Nessuno di noi era mai entrato in un rifugio alpino

Ci volle qualche minuto per adattarci all'oscurita', ma sentimmo subito che l'aria sapeva di casa e di cucina, di cose cotte e gradite. Uno sbaffo di luce che entrava dalla porta batteva su due fornelli nella parete di fronte

Fu allora che vedemmo, seduta sullo scalino del focolare, una bimba che mangiava, da una grossa tazza, la sua minestra di riso
'Buongiorno!' disse Filiberto. Nessuno rispose.

Solo la bimba sembrava averci sentito arrivare. Sgrano' due occhioni, bellissimi. Ci guardo' sorpresa, poi tese verso di noi il suo braccio con il grosso cucchiaio pieno di riso e disse: 'Ne vuoi?'

(da 'La prima volta a Mosceta' settembre 1952)

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie PolicyUlteriori informazioniOk